:    (Foto:   Maurizio   Crispi   Adriana   Ponari,   Enzo   LA   Scala)   .   Alle   5.45   circa,   con   più   o   meno   15'   di   ritardo   rispetto   allo   scheduled   time ha   preso   il   via   l'EtnaTrail   2014   sulla   distanza   di   64   km:   in   verità   un   po'   meno,   visto   che   che,   in   considerazione   dell'attività vulcanica   in   corso   in   corrispondenza   della   bocca   eruttiva   principale,   il   passaggio   in   quota   (attorno   ai   3000   metri   slm)   è   stato leggermente ritoccato per garantire la sicurezza dei partecipanti. L'ascesa   notturna   verso   Piana   Provenzana   (Linguaglossa)   da   dove   sarebbe   stato   dato   il   via   dell'Etna   Trail   e,   successivamente,   delle gare   di   contorno   su   distanza   più   revi   (24   e   16   km)   è   stata   emozionante:   in   alto   si   vedeva   rosseggiare   il   fuoco   delle   esplosioni   che   si verificano ad intervalli irregolari, accompagnati da tonfi e clangori che poi avrebbero punteggiato il sonoro dell'intera gara. Una   grande   emozione   dunque,   dalla   quale   non   erano   immuni   i   circa   120   runner   che   dalle   4.30   hanno   preso   a   radunarsi,   consapevoli di   essere   "pionieri"   di   un   ultratrail   pressocchè   unico,   visto   che   -   alla   sua   prima   edizione   in   questa   forma   "maggiorata"   -   si   sarebbe corso sulle balze e sulle chine di nera sabbia lavica del vulcano attivo più alto d'Europa. Un   Ultratrail   che   è   stato   tenuto   a   battesimo,   proprio   ieri   2   agosto   2014,   dopo   alcune   edizioni   di   "prova"   su   distanze   più   brevi   (30 km   le   due   precedenti   edizioni)   e   che,   quasi   per   un   fenomeno   di   "crescita   naturale"   (utilizzando   l'espressione   cara   ad   Aldo   Siragusa, ideatore   del   Circuito   Ecotrail   Sicilia)   hanno   portato   a   immaginare,   a   sognare   e   infine   a   progettare   un   Ultratrail   di   statura   europea   e mondiale:   come   amano   dire   gli   organizzatori,   guidati   dal   loro   presidente   dell'Etna   Trail   ASD,   Carmelo   Santoro,   l'Etna   Trail   è divenuto   una   bella   "favola   siciliana".   E,   finalmente,   dopo   tante   attese,   si   è   passati   dal   sogno   alla   realtà,   nel   momento   in   cui   gli ultratrailer   hanno   compiuto   ilprimo   passo   della   loro   splendida   gara,   mentre   ad   Est   il   cielo   si   tingeva   di   rosa,   in   forte   contrasto   con   il profilo scuro dei contrafforti montani.E le emozioni sono state davvero forti ed intense per tutti. Dopo   tutto   quello   che   si   è   scritto   (e   bene)   su   questa   meravigliosa   manifestazione,   unica   e   prima   nel   suo   genere   in   Sicilia,   resta molto   poco   da   dire,   altrimenti   si   rischia   di   ripetere   le   stesse   cose.   Parlo   a   nome   del   gruppo   Marathon   Misilmeri   che      hanno      creduto in   questa   avventura   sin   dal   primo   giorno,   e   hanno   sperato   che   Carmelo   Santoro   (Organizzzatore)   potesse   realizzare   questo   sogno. Abbiamo   organizzato   la   nostra   stagione   di   allenamenti   con   due   priorità:   l’Etnatrail   e   la   CCC.   Gli   allenamenti   cominciano   a   Marzo     con   cadenza   settimanale,   affrontano   lunghi   che   variano   dalle   4   alle   12   ore,   di   giorno   e   di   notte,   con   la   pioggia   e   con   il   sole.   2 Agosto   tutti   pronti   sulla   linea   di   partenza,   ore   5.30.   La   gara,   a   parte   due   ritiri   per   problemi   di   salute,   (Gaetano   Greco   e   Paolo Bonomo),   il   resto   del   gruppo   ha   disputato   un’ottima   gara.   Antonella   Riolo   2°   posto   di   categoria   nella   24   km.   Nella   64   Km   Angelita Bonanno   ancora   una   volta   3^,   Innocenzo   La   scala      ha   sbalordito,   con   una   gara   accorta   nella   prima   parte,   per   poi   dare   il   meglio   di   se nella   seconda   e   più   dura   parte   della   gara,   una   rimonta   incredibile   che   gli   consente   di   tagliare   il   traguardo   in   5^   posizione   assoluta   e primo   di   categoria,   con   il   tempo   di   9   ore   e   38   minuti,   la   gioia   dello   stesso   all’arrivo   con   l’indice   verso   il   cielo   a   ricordare   il   padre,   al quale   si   affida   in   questo   tipo   di   gare,   non   ha   potuto   trattenere   le   lacrime.   Ad   aspettarlo   all’arrivo   i   due   atleti   che   hanno   disputato   la 24   km   Antonella   e   Giovanni,   increduli   anche   loro   per   la   perfomance   del   compagno   di   squadra   Ancora   un’ottima   prova   di Gioacchino   Maniscalco   16°   assoluto   in   10   ore   e   16   minuti,   a   soli   6   minuti   da   Gioacchino   il   bravissimo   Nino   Tuzzolino.      11   ore   e   24 minuti   per   Giovanni   D’Ippolito   che   precede   Cristian   Di   Martino   di   soli   3   Minuti.   Solo   la   sua   grande   forza   di   volontà   le   permette   di chiudere   questa   gara   con   il   tempo   di   12   ore   e   35   minuti   Angelita   Bonanno.   Si   chiude   questo   splendido   capitolo   per   la   Marathon,   ma se   ne   apre   subito   un’altro   ancora   più   duro,   l’UTMB   nella   gara   di   101   km   con   più   di   6000   mt.   di   D+   la   CCC,   quindi   non   c’è   tempo di festeggiare perchè il 29 Agosto è vicino niente distrazioni, tanta concentrazione per poter coronare un’altra bellissima avventura.
CLASSIFICA 64 km CLASSIFICA 64 km

Ultratrail dell’Etna 2 AGOSTO 2014 

FOTO FOTO CLASSIFICA 24 km CLASSIFICA 24 km