Gioacchino Maniscalco; Paolo Bonomo e Antonino Tuzzolino alla Transgrancanaria 2016

Il racconto di Gioacchino Maniscalco.

Di   

solito   

non   

lo   

faccio   

ma   

questa   

la

voglio raccontare :

Transgrancanaria 2016

...la  

vigilia  

scorre  

via  

tranquilla  

,  

nessun

intoppo  

,  

volo  

,  

auto  

,  

albergo  

,  

tutto  

fila

liscio  

l'expo  

è  

a  

Maspalomas  

e  

si  

respira

l'aria  

dei  

grandi  

eventi  

,  

la  

finish  

line  

è  

da

brividi e il pacco gara è extralusso.

Organizzazione   

impeccabile   

alle   

20.00

siamo  

già  

sul  

bus  

che  

ci  

trasporterà  

alla

partenza    

dall'altra    

parte    

dell'isola    

ad

Agaete  

,  

un  

piccolissimo  

paesino  

sul  

mare  

decisamente  

diverso  

dalla  

scintillante  

e  

turistica  

Maspalomas  

.Una

moltitudine  

colorata  

di  

ultratrailers  

si  

aggira  

per  

le  

strette  

viuzze  

occupando  

ogni  

spazio  

esistente  

suscitando

grande  

curiosità  

tra  

i  

gentili  

e  

festanti  

abitanti  

,  

la  

temperatura  

è  

buona  

ma  

il  

vento  

è  

pungente  

e  

così  

troviamo

riparo  

sui  

gradini  

di  

un  

bar  

,meglio  

stare  

tranquilli  

.  

E'  

il  

momento  

,  

la  

musica  

sale  

,  

rullano  

i  

tamburi  

finalmente

ci  

siamo  

entriamo  

nelle  

griglie  

tra  

due  

ali  

di  

folla  

e  

ci  

incolonniamo  

sul  

molo  

del  

porticciolo  

,  

ore  

23.00  

giusto  

il

tempo  

di  

una  

foto  

un  

cinque  

al  

volo  

e  

via  

l'avventura  

comincia.  

Si  

parte  

ed  

è  

subito  

salita  

,  

le  

pendenze  

sono

dolci  

e  

la  

strada  

è  

larga  

,  

viene  

voglia  

di  

andare  

bisogna  

stare  

molto  

calmi,siamo  

appena  

all'inizio  

,dopo  

un  

paio

di  

km  

il  

sentiero  

si  

stringe  

e  

i  

circa  

900  

partenti  

cominciano  

ad  

allungarsi  

in  

un

lunghissimo  

serpentone  

,  

le  

sensazioni  

sono  

buone  

e  

il  

paesaggio  

sembra  

quello

di  

casa  

.  

Dopo  

circa  

10  

km  

finisce  

la  

prima  

salita  

,  

stò  

benissimo  

è  

stata  

lunga  

e

continua  

ma  

abbastanza  

facile  

,  

adesso  

si  

comincia  

a  

scendere  

e  

subito  

comincio

a  

capire  

che  

questa  

gara  

sarà  

diversa  

da  

tutte  

le  

altre  

già  

fatte  

,  

il  

sentiero  

e  

molto

tecnico  

e  

pietroso  

e  

non  

ti  

consente  

di  

lasciarti  

andare  

,  

occorre  

la  

massima

attenzione    

,    

il    

paesaggio    

comincia    

a    

cambiare    

,    

la    

vegetazione    

appare

lussureggiante  

a  

metà  

tra  

la  

macchia  

mediterranea  

e  

un  

isola  

tropicale  

,  

il  

vento  

è

incessante  

e  

solo  

a  

tratti  

ci  

concede  

una  

tregua  

.  

Finita  

la  

lunga  

discesa  

sono  

a

Tirma  

,  

ho  

circa  

1  

ora  

sul  

cancello  

orario  

,  

iniziamo  

a  

salire  

ed  

è  

salita  

vera  

,  

a

tratti  

durissima  

,  

le  

pendenze  

sono  

veramente  

significative  

e  

il  

vento  

si  

fa  

sempre

più  

freddo  

,  

arrivo  

ad  

Artenara  

dopo  

circa  

12  

km  

praticamente  

congelato  

,  

e  

noi

che  

pensavamo  

di  

dover  

soffrire  

il  

caldo....la  

notizia  

buona  

è  

che  

ho  

1.30  

sul

cancello  

,  

quella  

brutta  

che  

al  

ristoro  

più  

lontano  

di  

circa  

2  

km  

rispetto  

alla  

road-

map  

non  

c'è  

neanche  

qualcosa  

di  

caldo  

.Riparto  

assieme  

ai  

miei  

compagni  

di

avventura  

e  

per  

alcuni  

km  

il  

percorso  

è  

facile  

,  

il  

bosco  

cede  

il  

passo  

agli

agrumeti  

,  

il  

vento  

è  

cessato  

e  

comincia  

a  

piovigginare  

,  

non  

troppo  

ma  

quanto

basta  

a  

rendere  

ancora  

più  

insidioso  

ogni  

singolo  

passo.

Alle  

prime  

luci  

dell'alba

perdo  

di  

vista  

i  

miei  

amici  

,  

è  

così  

che  

deve  

essere  

il  

nostro  

è  

un  

lungo  

viaggio

alla   

scoperta   

di   

luoghi   

meravigliosi   

ma   

in   

fondo   

alla   

scoperta   

di   

noi   

stessi.

L'arrivo  

a  

Fontanales  

è  

il  

segnale  

che  

qualcosa  

non  

va  

,  

al  

ristoro  

non  

trovo  

nulla  

,

solo  

acqua  

,  

coca  

e  

patatine  

,  

non  

riesco  

più  

a  

mangiare  

barrette  

e  

fichi  

secchi  

,  

pagherei  

oro  

per  

una  

ciotola  

di

minestra  

,  

un  

veterano  

del

Tor  

mi  

consiglia  

una  

birra  

al  

bar  

,  

e  

fuori  

da  

ogni  

logica  

mi  

sembra  

la  

cosa  

più  

sensata

.  

Mi  

sento  

subito  

meglio  

un  

sms  

a  

casa  

e  

riparto  

alla  

grande  

,  

sono  

sicuro  

che  

al  

ristoro  

successivo  

troverò  

da

mangiare  

.  

La  

gara  

è  

veramente  

dura  

,  

le  

salite  

sono  

molto  

toste  

e  

in  

discesa  

non  

riesco  

a  

recuperare  

,  

sono

pietrose  

e  

viscide  

e  

le  

ginocchia  

iniziano  

a  

farmi  

male  

,  

arrivo  

a  

Valleseco  

e  

il  

ristoro  

è  

come  

il  

precedente  

,  

non

mi  

perdo  

d  

animo  

e  

riparto  

,  

in  

questo  

tratto  

il  

percorso  

è  

facile  

ed  

ho  

1.50  

sul  

cancello  

.  

A  

Teror  

mi  

dovrò

accontentare  

di  

un  

pezzetto  

di  

pane  

e  

qualche  

spicchio  

d  

arancia  

,  

spero  

mi  

basti  

per  

affrontare  

la  

salita  

,  

ma  

una

volta  

partito  

mi  

rendo  

conto  

che  

è  

devastante  

,  

senza  

respiro  

e  

mi  

consuma  

ogni  

energia  

,  

sembra  

non  

finire  

mai

...il  

ristoro  

di  

Talayeda  

diventa  

un  

miraggio  

,  

i  

km  

passano  

il  

panorama  

è  

bellissimo  

ma  

sono  

troppo  

stanco  

e

incazzato  

per  

godermelo  

,  

quando

finalmente    

arrivo    

mi    

assale    

lo

sconforto  

,  

c'è  

solo  

una  

tenda  

con

acqua  

,  

coca  

e  

patatine  

.  

Ho  

perso  

1

ora   

del   

vantaggio   

accumulato   

,

sono  

esausto  

,  

ho  

sonno  

e  

la  

road-

map   

è   

tutta   

sballata   

,   

mi   

butto

sull'erba  

e  

mi  

distendo  

,  

ho  

bisogno

di  

riposare  

un  

pò  

e  

di  

resettare  

il

cervello  

,  

il  

messaggio  

di  

un  

amico

e           

una           

telefonata           

di

incoraggiamento   

mi   

rimettono   

in

piedi  

,  

sono  

deciso  

a  

non  

mollare  

,

io  

questa  

gara  

la  

voglio  

finire  

ad

ogni    

costo    

!!!    

In    

discesa    

le

ginocchia   

mi   

fanno   

male   

,   

ma

corro  

perchè  

a  

Tejeda  

il  

cancello

chude  

alle  

16.00  

,  

ho  

50  

min  

per

fare  

2  

km  

,  

ma  

non  

mi  

fido  

e  

infatti

i  

km  

risultano  

5  

.  

Fortunatamente

riesco  

a  

passare  

,  

a

Tejeda  

ormai  

la  

speranza  

ha  

lasciato  

spazio  

alla  

rassegnazione  

...i  

ristori  

sono  

inesistenti  

devo

arrangiarmi  

,  

riprovo  

con  

la  

birra  

ma  

non  

funziona  

mi  

da  

la  

nausea  

,  

il  

sole  

è  

alto  

e  

montagne  

meravigliose  

si

stagliano  

sopra  

la  

mia  

testa  

,  

a  

tratti  

mi  

ricorda  

l'isola  

di  

Jurassic  

World  

...Ormai  

sono  

tra  

gli  

ultimi  

concorrenti

ancora  

in  

gara  

,  

non  

lo  

avevo  

certo  

preventivato  

,  

ma  

pazienza  

devo  

raccogliere  

le  

forze  

,  

mi  

aspetta  

una  

lunga

salita  

ed  

entro  

le  

19.00  

devo  

arrivare  

al  

Garanon  

(  

in  

teoria  

base  

vita  

km  

81,9)  

,  

mi  

faccio  

forza  

pensando  

che

dopo  

sarà  

facile  

perchè  

quasi  

tutto  

il  

dislivello  

è  

fatto  

,  

incontro  

un  

piccolissimo  

paesino  

e  

provo  

a  

mangiare  

un

gelato  

a  

piccoli  

morsi  

,  

due  

parole  

con  

il  

ragazzo  

del  

bar  

che  

mi  

fissa  

come  

fossi  

un  

extraterrestre  

e  

via  

.  

Questo

tratto  

di  

percorso  

è  

a  

dir  

poco  

meraviglioso  

,  

il  

paesaggio  

sembra  

quello  

dei  

vecchi  

western  

,  

la  

solitudine  

e  

la

fatica  

della  

salita  

mi  

danno  

un  

senso  

di  

pace  

,  

mi  

sento  

un  

tutt'uno  

con  

la  

natura  

che  

mi  

circonda  

,  

ad  

un  

tratto  

la

gara  

,  

i  

cancelli  

,  

il  

sonno  

,  

la  

stanchezza  

diventano  

fattori  

secondari  

,  

stò  

godendo  

e  

respirando  

la  

vita  

.  

Più  

salgo

e  

più  

il  

panorama  

diventa  

affascinante  

,  

le  

roccie  

fanno  

eco  

e  

sento  

voci  

di  

gente  

lontana  

,  

il  

sole  

lascia  

il  

posto

alla  

nebbia  

ed  

al  

vento  

gelido  

.  

Quando  

arrivo  

finalmente  

alla  

cima  

di  

Roque  

Nublo  

un  

volontario  

infreddolito

mi  

incoraggia  

dicendomi  

che  

a  

2  

km  

in  

discesa  

troverò  

il  

Garanon  

,  

il  

mio  

orologio  

segna  

le  

18.35  

dai  

che  

è  

fatta

,  

mi  

dico  

.  

Non  

bado  

alle  

pietre  

ne  

al  

vento  

e  

vado  

,  

corro  

,corro  

,  

supero  

3  

,4  

concorrenti  

,  

ad  

un  

tratto  

non  

sento

più  

la  

fame  

,  

ne  

il  

sonno  

,  

voglio  

solo  

arrivare  

a  

questo  

mitico  

Garanon  

,  

i  

2  

km  

passano  

,  

anche  

i  

3  

attraverso

una  

diga  

,  

spettacolo  

puro  

,  

ma  

della  

tanto  

attesa  

base  

vita  

nessuna  

traccia  

,  

la  

strada  

ricomincia  

a  

salire  

,  

guardo

l'orologio  

18.55  

,  

cazzo  

è  

finita  

....continuo  

con  

tutte  

le  

mie  

forze  

ma  

arrivo  

al  

Garanon  

alle  

19.10  

che  

già

stavano  

smobilitando  

.  

Il  

Garmin  

segna  

km  

84,7  

con  

6.900  

D+  

,  

la  

mia  

transgrancanaria  

finisce  

qua  

,  

dentro

almeno  

80  

atleti  

e  

finalmente  

pasta  

e  

thè  

,  

certo  

forse  

averli  

avuti  

qualche  

km  

prima  

non  

sarebbe  

stato  

male

...Onestamente  

non  

so  

se  

sarei  

riuscito  

a  

passare  

il  

cancello  

successivo  

con  

tanta  

discesa  

bagnata  

e  

pitrosa  

e  

le

ginocchia  

doloranti  

,  

ma  

di  

sicuro  

ci  

avrei  

provato  

...Difficile  

dimenticare  

quest'avventura  

e  

le  

emozioni  

provate

,  

l'ultima  

è  

da  

brividi  

e  

ci  

viene  

riservata  

dai  

ragazzi  

volontari  

del  

Garanon  

che  

a  

mò  

del  

Rugby  

si  

schierano

formando un corridoio e ci applaudono mentre mestamente ci avviamo sui bus. Stima e Rispetto assoluti !!!!