Il     Re    dell’Etna    è    ancora    l’ultratrailer Lorenzo   Trincheri   che,   con   una   gara praticamente    identica    a    quella    del 2012,   bissa   il   successo   della   passata edizione         della         SuperMaratona dell’Etna,   manifestazione   da   guinness unica    nel    suo    genere,    capace    di portare   gli   atleti   –   dopo   43      chilometri di   fatica   –   dal   mare   al   cratere   di   Nord- Est     del     vulcano     attivo     più     alto d’Europa. La   vittoria   di   “Super   Trink”,   nella   gara organizzata       dall’Unione       Sportiva Mario    Tosi    di    Tarvisio    (Udine),    è giunta      al      termine      dell’ennesima entusiasmante   rimonta   che   –   passo dopo     passo     –     lo     ha     portato     a raggiungere     la     testa     della     gara quando   mancavano   circa   tre   chilometri   all’arrivo.   Il   recupero,   una   volta   lasciato   l’asfalto   per   passare   sullo sterrato,   è   stato   praticamente   costante   e   lo   ha   portato   prima   a   raggiungere   Carmine   Buccilli   (Atletica   Casone Noceto)   e   quindi   a   superarlo.   Così   come   accaduto   lo   scorso   anno,   l’atleta   della   G.S.   Roata   Chiusani   è   giunto   a quota   tremila,   poco   sotto   il   cratere   di   Nord-Est,   in   solitaria   con   un   tempo   praticamente   identico   a   quello   della passata    edizione    (3h50’37”)    andandosi    a    conquistare    la    seconda    vittoria    consecutiva    davanti    a    Buccilli (3h55’00”)   e   a   Gianluigi   Martinelli   (Marathon   Club   –   Alta   Quota   Livigno)   giunto   terzo   come   accaduto   nel   2008 (4h18’48”). In   campo   femminile,   invece,   dominio   incontrastato   di   Francesca   Marin   (Runners   Bergamo)   capace   di   infliggere distacchi   pesanti   alle   inseguitrici:   la   bergamasca   ha   chiuso   in   4h45’18”   davanti   alla   palermitana   Lara   La   Pera (Polisportiva   Nadir)   in   5h09’40”   e   la   lombarda   Giovanna   Confortola   (Marathon   Club   –   Alta   Quota   Livigno)   che   ha terminato la sua fatica dopo 5h18’47”. PARTECIPAZIONE   RECORD   PER   LE   DONNE,   SFIORATO   QUELLO   DI   ISCRITTI   -   Nella   settima   edizione   si   è sfiorato   il   record   di   iscritti   con   gli   atleti   che   hanno   toccato   quota   164,   ma   ancora   una   volta,   la   SuperMaratona dell’Etna   si   dimostra   gara   da   guinness:   sono   ben   21,   infatti,   le   donne   che   hanno   preso   il   via   facendo   segnare   il nuovo   record   della   manifestazione.   Hanno   retto,   invece,   i   primati   stabiliti   nel   2008   da   Giorgio   Calcaterra   che   in quell’occasione aveva fermato il cronometro a 3h43’44”e da Monica Casiraghi capace di vincere con 4h39’18”. IL   FILM   DELLA   GARA   –   La   gara,   così   come   accaduto   dodici   mesi   fa,   si   è   aperta   con   una   fuga   del   “neofita” Carmine   Buccilli   che,   approfittando   delle   sue   caratteristiche   di   maratoneta   da   strada,   fin   dai   primi   metri   ha imposto   un   ritmo   molto   alto.   Dopo   otto   chilometri   il   vantaggio   su   Trincheri   era   di   circa   un   minuto.   Il   vantaggio   è via   via   aumentato   anche   lungo   le   rampe   che   hanno   portato   al   traguardo   voltante   di   Linguaglossa   dove   Buccilli   è transitato   con   quasi   quattro   minuti   di   vantaggio.   Quella   che   sembrava   la   cavalcata   del   giovane   atleta   è   poi continuata   lungo   la   Mareneve.   A   quel   punto   sembrava   che   per   Trincheri   fosse   quasi   impossibile   raggiungere   il battistrada   che   è   transitato   ai   34   km   di   Piano   Provenzana   in   2h28’04”   con   ancora   oltre   tre   minuti   e   mezzo   di vantaggio   sul   campione   ligure.   Chi   conosce   Trincheri,   però,   sapeva   che   proprio   da   quel   momento   si   sarebbe iniziato   a   correre   sul   tracciato   che   più   piace   a   “Super   Trink”.   È   iniziata   così   una   rimonta   che   si   è   conclusa   intorno al 40° km quando il vincitore dello scorso anno ha raggiunto e superato il fuggitivo andando a vincere in solitaria. «Questa   è   una   gara   che   bisogna   saper   gestire.   Io   l’ho   fatto   in   maniera   accorta   anche   perché   sapevo   che sull’asfalto   sarebbe   stato   davvero   impossibile   tenere   il   ritmo   di   Carmine   che   sulla   maratona   è   nettamente   più forte   di   me.   Sono   contento   di   aver   bissato   il   successo   dell’anno   scorso   perché   questa   è   una   gara   che   porto   nel cuore,   che   mi   piace   a   cui   non   voglio   assolutamente   mancare».   Soddisfatto,   seppur   classificatosi   secondo,   anche Carmine   Buccilli:   «Tutti   diranno   che   sono   partito   troppo   forte,   ma   io   vi   assicuro   che   meglio   di   così   non   avrei potuto   comunque   fare.   Sono   partito   bene   e   sono   arrivato   bene   a   quota   1800,   a   quel   punto   sapevo   che   sarebbe iniziato   il   pezzo   che   non   si   adatta   a   me   e   quindi   ho   solo   stretto   i   denti.   Negli   ultimi   10   km   ho   camminato   tanto   e corricchiato    nei    punti    in    cui    spianava    di    più.    Ma    meglio    di    così    non    potevo    chiedere    al    mio    fisico».    «È un’emozione    indescrivibile    –    il    commento    di    Gianluigi    Martinelli,    che    in    lacrime    ha    tagliato    il    traguardo piazzandosi   al   terzo   posto   -   anche   perché   fino   a   15   giorni   fa   ero   addirittura   in   dubbio   se   partecipare   o   meno   a causa   di   un   problemino   fisico».   Così   come   accaduto   lo   scorso   anno,   al   quarto   posto   si   è   classificato   il   friulano Ivan   Cudin,   il   testimonial   della   SuperMaratona   dell’Etna   giunto   in   Sicilia   per   preparare   i   suoi   prossimi   impegni: «Ho   corso   con   la   testa,   perché   questa   è   una   gara   fantastica   in   cui   non   puoi   sbagliare   niente.   Per   me   è   stato   un piacere ritornare anche se ho fatto solo tre settimane di preparazione». L'arrivo di Marin, prima classificata tra le donne LA   GARA   DELLE   DONNE   –   In   campo   femminile   la   vincitrice   Francesca   Marin   ha   fatto   gara   più   sugli   uomini   che sulle   donne,   classificandosi   settima   assoluta:   «È   una   gara   bellissima   con   un   panorama   unico.   Gli   ultimi   10 chilometri   non   sono   tanto   corribili   ma   devo   dire   che   è   davvero   ottima   come   organizzatore   visto   che   sullo   sterrato ogni   chilometro   c’è   un   ristoro.   Volevo   provare   questa   nuova   emozione,   unica   e   indescrivibile».   La   vincitrice   del 2012,   Lara   La   Pera   è   giunta   seconda:«Ho   corso   dove   altri   hanno   camminato,   ma   la   fatica   dell’Ecomaratona   delle Madonie   della   scorsa   settimana   si   è   fatta   sentire.   Sono   partita   piano   perché   volevo   comunque   finire   questa   gara speciale.   Ho   anche   abbassato   il   tempo   di   13   minuti   quindi   non   posso   che   essere   contenta».   Entusiasta   anche Giovanna   Confortola:   «È   stato   davvero   qualcosa   di   emozionante.   Gli   ultimi   6-7   km   sono   davvero   molto   duri,   ma tutto   passa   quando   vedi   questo   traguardo   davvero   speciale».   Peccato   per   Graziella   Bonanno   che   a   Piano Provenzana   era   transitata   in   seconda   posizione,   poi   lo   sterrato   ha   fatto   il   resto   facendola   scivolare   fino   al   quinto posto:   «È   stato   davvero   un   peccato.   Ma   ho   patito   troppo   il   pezzo   sullo   sterrato.   Sono   comunque   contenta   perché ho migliorato il mio tempo e già questo è un successo». GRANDE   SODDISFAZIONE   DEGLI   ORGANIZZATORI   –   Ennesima   grande   giornata   di   soddisfazione   da   parte dell’organizzazione   come   spiega   l’ideatore   Mariano   Malfitana:   "Siamo   soddisfatti   di   essere   riusciti   a   portare nuovamente   a   termine   la   nostra   “fatica”   il   tutto   grazie   all’aiuto   di   coloro   che   ci   hanno   supportato   in   questa avventura.   È   per   noi   un   grande   orgoglio   nonostante   l’impegno   che   dobbiamo   metterci   visto   che   ci   caliamo   nelle difficoltà   organizzative   che   si   trovano   con   gli   enti   pubblici   che   spesso   sono   impegnati   in   cose   più   importanti rispetto   allo   sport,   ma   che   ci   hanno   già   promesso   un   valido   supporto   per   proseguire   nella   continua   crescita   di questa   manifestazione   unica   al   mondo.   Voglio   rigraziare   davvero   di   cuore   tutti   i   volontari   che   ci   hanno   dato   una mano".

SUPER MARATONA dell' ETNA, da 0 a 3000 mt.