:   (foto   e   commento   di   Adriana   Ponari)   Per   questa   volta   vorrei   commentare   le   foto   in   maniera   formale   come   di   solito   si   legge   sui   giornali   informatici e                                                                                                                                                                                                                                   non. Troppo   evidente   la   frattura   fra   la   prima   e   la   seconda   parte...   la   drammaticità   e   la   durezza   del   secondo   tratto   del   percorso   di   gara   cozzano   e   fanno sembrare   la   prima   parte   una   corsa   come   tante   altre:   domenicale   sfida   atletica   fra   runner   sorridenti   e   attenti,   chi   a   divertirsi   -   e   i   sorrisi   ne   danno testimonianza   -   e   chi,   con   l'occhio   alla   classifica,   concentrato   e   misurato.    La   gara   inizia   sul   mare,   su   di   uno   Ionio   color   pastello   che   mostra   una pigra   e   festiva   calma   piatta.   La   location   è   Marina   di   Cottone:   il   raduno   per   la   partenza   è   fissato   proprio   lì.      E'   l'occasione   per   rivedere   amici, salutare   chi   non   si   conosce   ancora   e   fare   soprattutto   foto:   quelle   belle   foto   di   gruppo   che   sono   la   mia   disperazione   per   il   ventaglio   di   atleti   che   si dispone   per   farsi   riprendere   e   che,   mai   e   poi   mai,   si   potrà   prendere   tutto   quanto...   un   riflesso   condizionato   per   loro,   le   foto   di   gruppo   che,   però, dimostrano   voglia   di   stare   insieme;   io   da   parte   mia   non   so   dire   loro   di   no...    Sembra   che   gli   atleti   siano   più   del   previsto:   si   dice   dai   210   ai   240;   e,   in effetti,   questa   gara   emana   fascino   e   richiama   alla   partecipazione.      Sono   oltre   43   km   sempre   in   salita:   è   pubblicizzata   come   la   gara   che   dal   punto   di partenza   permette   di   vedere   l'arrivo...e   "l'arrivo"   più   che   vedersi   (c'è   fumo   e   nuvolosità   in   cima)   vede   noi,   sornione   e   immanente!    Il   caldo   diventa protagonista   man   mano   che   si   procede   per   strade   e   paesi   e   la   vegetazione   è   la   tipica   macchia   mediterranea...   Il   ritmo   di   corsa   è   -   direi   da   profana   - misurato:   chi   non   ha   nella   mente   il   pensiero   fisso   di   risparmiare   le   forze   per   il   finale!   Strategie   di   corsa   che   frullano   nella   mente.      Fortissimi   i   non siciliani,uno   di   loro,   un   grandissimo   atleta,già   vincitore   nella   scorsa   edizione   (e   non   solo),   arriverà   per   primo   lassù   a   tagliare   un   suggestivo tricolore.    Si   sale   e   il   dislivello   diventa   sempre   più   evidente;   io   procedo   su   di   un   Quad   (guidato   da   Carlo,   ottima   guida   per   me)   e   messo   a disposizione   dagli   organizzatori:   la   Supermaratona   è   gara   da   non   perdersene   nulla...   solo   con   un   mezzo   del   genere   potrò   fare   foto:   raccontarla   non è   -   e   non   sarà   -   facile!      Una   cosa   mi   colpisce,positivamente:   il   passaggio   sulle   strade   principali   di   paesi   molto   belli   come   Piedimonte   o Linguaglossa   dove   molte   persone   aspettano   e   applaudono,   con   vera   passione,   gli   atleti   che   passano   e   che   ricambiano   loro   stessi   il   tifo! Onestamente   è   la   prima   volta   che   vedo   tanti   consensi   e   partecipazione,    Ma   si   sale   ancora   verso   Piano   Provenzana   dove   tutto   cambierà...davvero tutto!      Linguaglossa   è   lo   snodo   fra   il   bene   o   male   agile   salire   ed   il   vero   e   proprio   significare   della   0-3000.   Si   passa   nel   Centro   cittadino   fra   tifosi   e spettatori   che   incoraggiano   in   modo   sfegatato:   tutti   applaudono   (forse   alla   temerarietà   dei   runner?),   il   caldo   si   fa   sentire   ancora   pressantemente,   il meteo   si   mantiene.    Una   svolta   di   strada   dove   un   un   cartello   turistico   indica   "Etna   Nord"   e   si   comincia   ad   intuire   che   bisogna   concentrarsi   e   che, adesso,   si   dovrà   correre   per   davvero!    Si   va   verso   Piano   Provenzana.      Il   gruppo   si   assottiglia   e   diventa   una   diluitissima   serpentina.   Siamo   ai tornanti     che     marcano     l'ambiente     ormai     montano:     intorno     ginestre     e     ginestrini.     I     pini     che     man     mano     diventeranno     boschi     fitti. Passa   il   primo   runner   (che   sarà   poi   il   vincitore)   con   grande   distacco:   siamo   al   ristoro   posto   a   1425   metri   di   quota,   quando   -   doveva   succedere   -   si apre   il   cielo   con   pioggia   battente:   prima   avvisaglia   di   un   percorso   ancora   da   scoprire   o   riscoprire.    A   Piano   Provenzana   si   lasciano   i   mezzi   di trasporto   compreso   il   Quad   che   mi   aveva   trasportato   sin   lì   e   si   sale   al   traguardo   di   2850   (che   in   quest'edizione   -   per   motivi   di   sicurezza   e   tecnici   -   è stato   collocato   nei   pressi   dell'Osservatorio   vulcanologico)   con   i   pulmini   attrezzati   per   lo   sterrato.    Ormai   è   Etna:   strada   di   nera   sabbia   lavica,   alberi bruciati   dalle   più   recenti   eruzioni,   in   alto   nubi   e   vapori,   intorno   chiazze   di   neve   fangosa.    Meno   male   che   il   traguardo   sia   stato   spostato   ai   2850   metri di   quota   dell'Osservatorio!   a   3000   metri,   saremmo   morti   tutti   assiderati   se   non   ci   fosse   stata   la   possibilità   di   rifugiarsi   dentro   questo   edificio   -   ahimè -   cadente,   ma   caldo   e   fornito   di   coperte   risalenti   sicuramente   ai   tempi   di   Empedocle   quando   decise   di   buttarsi   dentro   il   cratere!    Cosa   dire   del tempo   meteorologico?    Nevischio,   grandine,   pioggia   gelida   a   rotazione.   Arrivano   ad   uno   ad   uno   i   runner   e   il   mio   zoom   li   scopre   su   quella   pista scura                        come                        puntini                        che                        si                        muovono                        con                        lentezza... A   questo   punto   la   natura   umana   nella   sua   diversificazione   personale   di   ognuno   si   mostra;   sono   tutti   ,chi   più   o   chi   meno   stravolti   dalla   stanchezza   e dalla   sorpresa   di   un   cammino   inaspettatamente   duro   per   via   del   gelo   e   della   distanza   (l'ultimo   tratto   oltre   10   km);   vedo   arrivare   chi   non   nasconde   di stare   male,   chi   è   sfinito   ma   resta   presente   a   se   stesso,   chi   arriva   ballando   a   dimostrazione   del   "...ma   sì...alla   fine...non   era   poi..."   ;   ad   ognuno   che arriva   spettano   la   medaglia,   ma   anche   una   coperta   e   al   caldo   nelle   stanze   dell'osservatorio:    Poiché   il   tempo   peggiora:   è   impossibile   stare   fuori   a fare   foto,   nebbia,   nevischio   che   bagna   l'obiettivo,   freddo   da   congelarti   le   ossa   (stupidamente   ho   addosso   solo   una   canottiera   ed   il   giubbotto   jeans supportata   solo   dallo   smanicato   catarifrangente   di   emergenza   che   la   Toyota   mi   ha   gentilmente   regalato   assieme   alla   mia   auto)   quasi   tutti scenderanno a valle e così farò anche io, mentre al traguardo arriveranno gli ultimi.
CLASSIFICA INDIV. CLASSIFICA INDIV.

Supermaratona dell’Etna 0-3000  14 Giugno 2014

FOTO FOTO CLASSIFICA SOCIETA’ CLASSIFICA SOCIETA’