Vincenzo Agnello e Barbara Bennici si sono aggiudicati la seconda edizione della Misilmeri Christmas Run, manifestazione che si è disputata stamane nella cittadina in provincia di Palermo. Un podio in fotocopia rispetto alla prima edizione, quando a trionfare furono proprio l’atleta del Casone Noceto, nativo di Misilmeri e la palermitana della Fiamma Rossa, prossima a vestire la canotta della pluridecorata società emiliana, la stessa di Agnello. Batterie unica, novità rispetto allo scorso anno e sei  giri per tutti, per un totale di circa 8000 metri, su di un percorso rinnovato anche questo) nervoso e ricco di saliscendi. A condurre la gara, almeno nelle prime fasi, un quartetto d’eccezione composto da Vincenzo Agnello, Alessio Terrasi, Ala Zoghlami (per lui solo una sgambata tra amici) e Bibi Hamad. Nella seconda parte della sfida, l’attacco di Agnello e del siepista del Cus Palermo, che ha provocato la frattura del gruppetto; finale in crescendo per l’allievo di Tommaso Ticali che ha staccato quanto basta Zoghlami per andare a tagliare in solitudine il traguardo posto davanti al Municipio in piazza del Comitato. A ruota Alessio Terrasi (Fiamma Rossa Palermo), Bibi Hamad (Universitas Palermo) e l’ottimo (primo degli amatori) l’atleta di casa Giancarlo Badami. Vita facile, nella gara al femminile, con  la Bennici che ha battagliato più con gli uomini (finirà 26° assoluta) che con le sue “pari-sesso”. Alle spalle di Barbara Bennici è arrivata Azzurra Agrusa (5 Torri Trapani), che ha preceduto Angelita Bonanno del Marathon Misilmeri. La manifestazione, valida come prova ufficiale BioRace Pegaso Trofeo Tecnicasport, è stata ben organizzata dalla ASD Marathon Misilmeri guidata da Innocenzo La Scala. Ottimo il terzo tempo a base di pizza e dolci. Quasi 200 gli atleti che hanno chiuso la gara. A fare da prologo alla giornata di sport la “camminata” che ha visto protagonisti tantissimi bambini delle scuole del comprensorio, in un tourbuillion di cappelli di babbo natale e maglie rosse che hanno colorato le strade del centro di Misilmeri.  Una “passeggiata” strettamente legata alla solidarietà con una raccolta fondi in favore della Onlus Parent Project, la Distrofia Muscolare di Duchenne, una malattia rara che in Italia colpisce uno su 3.500 maschi nati.