La    0-3000    è    la    gara    che    aspetto    tutto    l’anno,    la    gara    alla    quale    non    so rinunciare,   la   gara   che   più   di   altre   ho   nel   cuore.   Quella   salita   infinita   che   ti porta   fino   al   tetto   della   Sicilia…mi   rapisce.   Ogni   anno   mi   fa   soffrire,   ma   mai come   quest’anno.   Sapevo   che   sarebbe   stato   difficile   vincere   per   la   presenza   di atlete   di   grosso   calibro,   ma   anche   se   sembra   difficile   crederlo,   la   mia   avversaria ero   io   stessa   e   il   crono   dello   scorso   anno   che   volevo   ripetere…mi   sarei   inseguita per ripetere l’impresa. Ma   già   dai   primi   km   ho   capito   che   dovevo   ridimensionare   le   mie   ambizioni   per il   caldo   umido.   Sono   partita   tranquilla,   guardando   poco   le   avversarie   e   molto l’orologio   per   non   sbagliare.   Dopo   pochi   km,   quando   la   salita   si   fa   dura,   mi ritrovo   prima….ma   sapevo   che   pochi   metri   dietro   di   me   c’era   la   seconda.   Non faccio   nulla   per   staccarla,   seguo   il   mio   passo.   Dopo   Linguglossa   la   salita   diventa sempre   più   ripida,   il   caldo   umido   non   mi   faceva   respirare,   bevo   ovunque   e   di tutto…ma   le   forze   venivano   sempre   meno.   Tra   me   e   me   pensavo   che   sarebbe stata   una   0-3000   più   lunga   delle   precedenti.   Pensavo   anche   che   una   “ragazza”   di   quarant’anni   non   può   più   fare   la follia   di   correre   due   maratone   così   impegnative   in   6   giorni.      Al   25km   è   crisi   nera,   gambe   rigide   e   totale   mancanza   di energie…decisi   di   darmi   un’altra   possibilità   prima   di   arrendermi   fino   a   Piano   Provenzana…al   limite   lì   mi   sarei   fermata. L’ho   pensato   sul   serio   perché   non   sapevo   più   dove   trovare   le   forze   per   correre….perchè   sull’asfalto   non   voglio camminare!   Se   mi   fossi   messa   a   camminare….avrei   gettato   la   spugna.   Arriviamo   a   Piano   Provenzana…e   di   fronte   alla Star    che    inizia    dolcemente    per    portarti    in    paradiso    passando    dall’ inferno….mi   dico   “questa   è   la   tua   salita”.   Però   con   quel   briciolo   di saggezza   che   mi   era   rimasta   decido   di   cambiare   la   maglia   perché potevo   non   farcela.   Mi   sarei   potuta   trovare   senza   forze   tutta   colata   di sudore oltre i 2000m…evitare una crisi di ipotermia era il minimo. Intanto    la    mia    avversaria    mi    aveva    abbondantemente    superata    e sembrava   salire   con   estrema   facilità.   Km   34….la   mia   testa   finalmente si   rimette   in   moto,   alla   prima   rampa   veramente   impegnativa   dove tutti   camminavano…corro,   affianco   la   ragazza   che   per   tanti   km   mi aveva   fatto   compagnia   e   la   supero.   Lei   sportivamente   mi   dice   “dai Lara,     prima     arriviamo     su     prima     finisce”….tra     me     e     me     penso “Finisce??per   me   il   divertimento   è   appena   iniziato”.   Da   quel   momento   non   ho   più   smesso   di   correre,   più   si   saliva   in quota   più   sentivo   montare   dentro   di   me   una   grinta   e   un’energia   pazzesca.   Non   so   cosa   succede   in   questi   momenti   nel corpo   e   nella   testa   di   un’atleta,   ma   una   cosa   è   certa   …è   una   sensazione   incredibile.   Non   pensavo   più   alla   mia avversaria,   pensavo   a   correre   quello   sterrato   nel   più   breve   tempo   possibile..c’ero   di   nuovo   io   contro   me   stessa.   A   un km    dall’arrivo    vedo    venirmi    incontro    Ciccio…che    bella    visione,    se    era    lì    il    traguardo    era    vicino….mi    incita,    mi incoraggia,   mi   dice   di   andare   piano…tanto   ero   sola!Piano?   sola?   Quel   gonfiabile   all’arrivo   si   avvicinava   sempre   più   e mi    attirava    come    fosse    una    calamita.    Rettilineo    pianeggiante…e    poi    gli    ultimi    100m    di    salita    tremenda…i    piedi affondavano   nella   sabbia,   mi   sembrava   di   andare   indietro.   Sentivo   al   voce   di   Roberto…mi   sembrava   di   nuotare   contro le    onde.    Ma    arrivo…finalmente    arrivo    e    le    gambe    mi    abbandonano.    Mi    sono    trovata    sdraiata    a    terra    e    tutto girava….C’era    Rita    (la    presidentessa)    che    c’è    sempre    nei    momenti    di disperazione   atletica,   piangeva   perché   anche   io   piangevo…non   piangevo all’arrivo    di    una    gara    da    tempo….Roberto    invece    rideva    e    mi    diceva    di rialzarmi,   mi   ha   dato   una   cosa   dolce   da   bere…non   so   cosa   fosse      ma   nel   giro di   pochi   secondi   tutto   è   tornato   al   suo   posto.   La   giostra   si   era   fermata   e   ho realizzato   che   ci   ero   riuscita,   ero   riuscita   a   tagliare   un   difficile   traguardo   ma soprattutto   ero   riuscita   a   uscire   dalla   crisi   più   grande   che   mi   sia   venuta durante   una   gara   lunga   e   difficile,   non   mi   ero   arresa.   Questa   per   me   è   stata la vittoria più grande! Grazie   a   tutti   per   l’affetto   che   dimostrate   e   per   aver   condiviso   con   me questo splendido momento di sport. Grazie a Carmelo Santoro a Etnatrail ASD per la passione e la perfezione con cui organizzano le gare.
Ancora una volta Lara