19 Ottobre 2013

Trail   del   lago   d’Orta   si   fa   perché   ne   senti   parlare   benissimo,      si   rifà   perché   è   bellissimo. Avevamo   promesso   già   lo   scorso   anno   agli   amici   del Trail   Running   che   saremmo   ritornati   nel   2013,   qualunque   fosse   stata   la   distanza   del   trail   da   loro   organizzato,   ed   è   stato   cosi,   siamo   andati nuovamente,   con   molto   piacere,   e   sono   sicuro   che   il   piacere   è   stato   reciproco,   perché   ricordo   ancor   ora   l’abbraccio   di   Julia   quando   mi   ha visto,   come   ricordo   lo   sguardo   compiaciuto   di   tutti   gli   altri,   ci   siamo   sentiti   a   casa.   Devo   ammettere   che   quest’anno   ci   è   mancato   tanto   poterci ritrovare   attorno   ad   un   tavolo   per   poter   gustare   una   birra   con   tutti   gli   organizzatori,   i   quali   sono   giustificati   per   l’enormità   di   lavoro   che   si   sono dovuti   addossare   per   organizzare   tutto.   Come   tutti   sanno   gli   amici   del   lago   d’Orta,   sono   una   sorta   di   Caterpillar   organizzativo,   che   non   lascia nulla   al   caso,   e   lo   testimoniano   l’enormità   di   messaggi   positivi   che   troviamo   sul   web.   Già   dalla   scorsa   edizione   avevamo   esternato   la   nostra soddisfazione      a   tutti   i   nostri   amici   Siciliani   per   questo   Trail,   e   desideravamo   tanto   che   altri   conoscessero   questa   realtà.   E   cosi   è   stato,   per usare   un   neologismo   la   nostra   carovana   era   formata   da   12   persone,   si   persone,   ci   piace   chiamarci   cosi,      anche   se   le   gesta   sono   quelle   di atleti   veri,   prendiamo   le   cose   con   molto   brio      e   divertimento,   come   dice   l’amico   nostro   Sergio   la   concentrazione   la   fa   da   padrona,   tre   giorni   di divertimento   e   risate,   tante   risate,   trascinatore   il   fantastico   Giovanni   D’Ippolito   che   con   il   suo   repertorio   forbito   ci   ha   veramente   piegati   in   due dalle   risate,   (ci   manca   già   la   sua   mancanza).12   persone   che   hanno   preso   parte   all’   Ultra Trail   del   Lago   d’Orta   su   un   tracciato   straordinario   ed estremamente   vario   che   ha   toccato   dieci      comuni   e   tre   province,   per   un   totale   di   circa   5.000   metri   di   dislivello   positivo.   Oltre   alla   80km   altri due   le   gare   una   da      22   km   dove   a   partecipato   la   nostra   Silvana   Cantone   e   una   55   km   che   ha   visto   in   linea   di   partenza   Gaetano   Greco, Giovanni   Landolina   e   Giovanni   D’Ippolito.   La   bellezza   dei   tracciati   sbalordisce,   peccato   per   la   nebbia   che   ha   coperto   il   lago   per      tutto   il   tempo della   gara.   La   partenza   e   l’   arrivo   come   da   tradizione   a   Pogno.   Ci   siamo   ritrovati   alle   5.00   sulla   linea   di   partenza,   ma   ovviamente   la   sveglia alle   tre,   con   nostra   sorpresa   un   caloroso   incitamento   ed   in   bocca   al   lupo   da   parte   del   resto   della   carovana   che      prendeva   parte   alla   55   e   alla 22   km         per   l’occasione   eravamo   alloggiati   in   un'unica   stanza   nell’oratorio   della   chiesa   assieme   a   due   Russi   ed   un’indecisa   Tedesca, indecisa   se   restare   o   andarsene   a   dormire   da   qualche   altra   parte,   forse   per   la   troppa   concentrazione   o   forse   anche   per   il   nostro   composto silenzio,   fatto   sta   che   andò   a   dormire   da   un’altra   parte.   Come   dicevo   dopo   la   partenza   dal   Pala   Wojtyła,   attraverso   la   “Via   dello   Scalpellino” ci   siamo   diretti   verso   Madonna   del   Sasso   (880   mslm),   passando   dai   caratteristici   Monti   della   Luna   che   abbiamo   affrontato   al   buio.   Dopo   il passaggio   per   Valpiana   (704   mslm),   e   lo   “sconfinamento”   nei   boschi   della   Valsesia,   siamo   ritornati   verso   Arola   (615   mslm)   dove   abbiamo trovato      la   salita   che   ci   ha   portati   al   Monte   Novesso   (1410   mslm)   attraverso   uno   spettacolare   sentiero   in   cresta,   e   poi   all’Alpe   Sacchi.   Qui   i due   percorsi   si   sono   divisi:   quello   da   80   km   ha   intrapreso   la   salita   per      Monte   Croce   (1.643   mslm),   punto   più   alto   del   percorso,   per   poi proseguire   attraverso   il   Monte   Congiura   (1.386   mslm),   l’Alpe   Camasca   (1180   mslm)   e   il   Monte   Mazzoccone   (1.424   mslm).La      discesa spettacolare   ci   ha   portato   a      Quarna   di   Sopra   e,   attraverso   il   sentiero   Belvedere   ripristinato   per   l’occasione   dopo   anni   di   abbandono,   dove   si trova   un   caratteristico   e   antico   lavatoio,   da   li   a   Quarna   di   Sotto   (802   mslm).   A   questo   punto   siamo   passati   dalle   località   (Alpe   Cignerra   971 mslm),   Pontetto   (817   mslm)   e   I   Due   Faggi.   Qui   il   percorso   della   55   km   si   riunirà   a   quello   della   80   km:   nuova   salita   verso   l’Alpe   Berro   (1084 m)   e   poi   diversi   saliscendi   fino   ai   Laghetti   di   Nonio   e   al   paese   omonimo   (499   mslm).   Il   percorso   attraverso   i   suoi   sentieri   ci   ha   portato   a Grassona   (559   mslm)   per   poi   arrivare   a   sfiorare   il   Lago   d’Orta   a   Pella   (305   mslm).   Salita   la   spettacolare   scalinata   che   non   si   scorda   più   per tutta   la   vita,      conduce   ad   Alzo   di   Pella   ed   effettuato   il   passaggio   in   centro   paese,   passaggio   da   San   Maurizio   d’Opaglio   (400   mslm) finalmente   la   vista   con   le   luci   artificiali   di   Pogno,   con   arrivo   al   Pala   Wojtyła   dove   dopo   pochi   secondi   scordi   la   stanchezza   che   hai   accumulato in   tutti   quei   km,   un   bel   pasto   caldo   e   tanta   tanta   Birra   Menabrea,   condivisa   insieme   ad Atleti   che   ti   hanno   preceduto   e   di   parecchie   ore,   ma anche   con   chi   mesto   chiude   in   tempo   utile   la   sua   fatica,   Si   credo   che   per   noi   il   cronometro   sia   relativamente   importante   Purtroppo   la   nostra Angelita   Bonanno   si   è   dovuta   ritirare   per   problemi   fisici   al   70°   Km   conoscendo   benissimo   la   sua   tenacia   doveva   soffrire   veramente   tanto   per decidere   di   ritirarsi   a   dieci   km   dall’arrivo.      Ancora   peggio   è   andata   a   Gioacchino   Maniscalco,   che   nei   primissimi   km   al   buio   a   sbattuto violentemente   la   testa   in   un   ramo,   sembrava   cosa   da   poco   anche   a   parere   mio,   ma   non   per   Paolo   Menegatti,   che   aveva   visto   meglio   grazie anche   alla   sua   altezza   (statuura)   Dopo   aver   percorso   altri   60   km   si   è   dovuto   ritirare   e   farsi   suturare   la   ferita,   con   ben   6      punti,   ed   un   ricordo sicuramente   indelebile. Anche   questo   fa   parte   del Trail.   Ci   si   lascia   sempre   con   un   arrivederci   sincero   e   speranzoso,   anche   se   la   distanza   del prossimo   UTLO   non   supererà   i   100Km      saremo   presenti,   Vincenzo,   Julia,   Paolo,   Tato,   Enzo,   Patrizio,   Roberta   non   vi   libererete   facilmente   di noi, anzi faremo di tutto per mettervi a dura prova, saremo ancor più numerosi sin dalla prossima edizione. Non c’è due senza tre. La classifica dei Siciliani sulla 80 km: 1° dei Siciliani e 73° assoluto LA SCALA INNOCENZO Tempo 14h.22.56 2° dei Siciliani e 81° assoluto  RUGGERI GIUSEPPE 14h.38.31 3° dei Siciliani e 92° assoluto PISCITELLO SERGIO Tempo 14h.59.34 4° dei Siciliani e 93°   assoluto BONOMO FRANCESCO PAOLO Tempo 14h.59.34 5° dei Siciliani e 104°  assoluto DI MARTINO GIOVANNI Tempo 15h.13.37 6° dei Siciliani e 110°assoluto GRILLO ENNIO 17h.09.37 Sulla 55 km 1° dei Siciliani e 26° assoluto   D'IPPOLITO GIOVANNI tempo 7h.35.04 2° dei Siciliani e 61° assoluto GRECO GAETANO tempo h8.45.49 3° dei Siciliani e 89° assoluto LANDOLINA GIOVANNI tempo 9h.26.06 Sulla 22 km l’unica Siciliana CANTONE SILVANA tempo 3h.32.59
Trail lago d’Orta 2013 "...correre questo Trail è come sorvolare il lago d'Orta a bordo di un aliante..... emozioni che solo il Trail o la corsa in montagna ti possono regalare"