Dai   suoi   racconti   è   nata   in   me   la   curiosità   di   provare,   a   me   che   per   19   anni   ho   calpestato   solo   asfalto,   avendo   in   attivo   30   maratone   ed   una   miriade di   maratonine.   Proviamo,   mi   sono   detto.   La   mia   prima   gara   trail   è   stata   a   Ficuzza   (alla   fine   del   2011):   fu   un   disastro   perchè   l'affrontai   come   una   gara su   strada   e   da   qui   l'idea   di   abbandonare,   ma   Gioacchino   non   finiva   mai   di   raccontare   quali   belle   esperienze   aveva   vissuto.   Un   giorno   mi   disse:   Tu che   hai   esperienza   di   maratone   perché   non   ti   iscrivi   all'Ecomaratona   delle   Madonie?   Mi   ha   lavorato   per   benino   ed   io,   alla   fine,   ho   ceduto,   però come   tutte   le   cose   che   faccio,   almeno   in   quelle   più   importanti   ci   metto   passione,   ed   ho   preparato   questa   gara   molto   scrupolosamente,   alla   fine   mi sono   piazzato   11°   assoluto   con   un   tempo   di   4ore   42'   35''.   Capii   che   il   trail   era   nelle   mie   corde   -   almeno   quello   lungo   -   e   cominciai   a   fare   questo   tipo di   gare.   Non   vorrei   però   che   il   messaggio   che   passa   sia   che   faccio   trail   per   i   risultati!   No,   assolutamente   no,   ma   solamente   perché   ho   scoperto dopo   19   anni   ininterrotti   di   corsa   un   nuovo   mondo,   a   misura   e   dimensione   di   ognuno   di   noi,   tra   natura,   solitudine,   profumi   e   tanta   complicità. Gioacchino   avendo   avuto   esperienze   di   trail   fuori   Sicilia   tra   cui   il   Valdigne   ed   il   Cervino,   mi   continuava   a   dire:   Dobbiamo   fare   un   ultratrail   fuori   la Sicilia;   e   un   giorno   se   ne   spunta   con   questa   bella   novità:   Enzo   -   mi   disse   -   ASD   Trail   Running   organizza   una   gara   di   63   km   di   trail   che,   in   più, assegna   2   punti   per   UTMB,   cosi   nel   2013   ci   iscriviamo   alla   CCC   .   Ed   io   non   ancora   capivo:   quando   ho   preso   visione   in   rete   di   cosa   parlava,   ho detto   tra   me   e   me   ma:   Questo   è   davvero   fuori   di   testa,   può   andar   bene   per   la   63   km,   ma   la   CCC   per   me   rimane   la   terza   lettera   dell'alfabeto   non   100 km   nelle   Alpi   tra   Italia   Svizzera   e   Francia.   Stilo   un   programma   di   allenamento,   il   tempo   che   avevamo   a   disposizione   era   abbondante.   La   gara   di Pantelleria   come   tappa   di   avvicinamento   era   l'ideale   e   cominciamo   questa   benedetta   preparazione.   Sei   giorni   la   settimana   un   solo   giorno   di   riposo, assenze   in   16   settimane   solo   una,   giustificata,   sentivo   di   essere   preparato,   i   miei   compagni   ci   credevano   più   di   me.   Dalla   prima   edizione dell'Ecomaratona mi hanno affibbiato il nomignolo di Pulce delle Madonie, Pulce stupirai tutti…. A   settembre   ci   iscriviamo   in   tutto   sette   del   nostro   gruppo,   a   quattro   giorni   dalla   gara   Giovanni   Landolina   ha   dovuto   abbandonare   per   una   frattura all'anulare del piede destro. Siamo rimasti in sei: io, Giocchino Maniscalco, Angelita Bonanno, G. Di Martino, G. D'Ippolito e A. Martorana. Come sempre, a Gioacchino è spettato il compito di organizzare tutto, viaggio, soggiorno e visite, tutto perfetto e con pochi soldi. Arriviamo   a   Pogno   nel   primissimo   pomeriggio   di   Venerdì,   accolti   con   grande   calore,   sistemiamo   tutto   e,   tra   una   visita   veloce   in   alcuni   paesi   del   lago ed   il   ritiro   pettorali,   si   fa   ora   di   cena,   un   classico   con   tutti   gli   atleti.      Don   Salvatore   prete   dalle   mille   risorse,   benedice   l'oratorio   insieme   al   vescovo   la struttura   finita   da   poco   era   stata   consegnata   al   prete   a   servizio   di   tutta   la   cittadinanza,   e   per   l'occasione   agli   organizzatori   della   manifestazione.   A letto   presto   per   cercare   di   riposare   più   possibile,   anche   se   la   partenza   alle   10.00   ci   avrebbe   permesso   di   prepararci   comodamente,   ma   -   si   sa   -   il materiale   e   l'attrezzatura   vanno   preparati   prima   e   quindi   prima   di   dormire   è   necessario   un   ulteriore   controllo   generale   allo   zaino.   Attrezzatura obbligatoria:   giacca   impermeabile   traspirante,   lampada   frontale,   indumenti   caldi   di   ricambio,   telefono,   fischietto,   barrette,   acqua   per   un   peso   di   più di   tre   chili.   Ah,   dimenticavo   anche   altimetria   con   i   km   e   ristori,   tipo   roadbook.   Si   dorme   e   comodamente,   c'è   tutto   il   tempo   per   riposare   bene.   La mattina sveglia alle 7.00: colazione, pronti e vestiti, e si scende. Un   carosello   di   colori:   c'è   gente   da   tutta   Europa,   la   prima   sensazione   era   quella   di   sentirsi   piccoli   di   fronte   a   tanti   che   hanno   affrontato   le   gare   più prestigiose   del   mondo:   UTMB   -   CCC   -   TDS   –   PTL-   TOR   des   Géants-   Le   tre   Cime   di   Lavaredo   e   tanti   deserti.   C'erano   più   di   400   atleti   vestiti   ed attrezzati,   uno   diverso   dall'altro;   c'è   tempo   per   le   foto   di   rito   e   poi   la   calma   apparente   prima   dello   start.   Non   appena   cominciano   a   chiamarci   per   la partenza,   hanno   cominciato   a   tremarmi   le   gambe,   lo   stomaco   in   subbuglio,   la   sensazione   che   tutto   quello   che   avevo   fatto   non   sarebbe   servito   a niente, con la sensazione schiacciante che non avrei potuto correre e che le mie gambe non avrebbero risposto alle sollecitazioni. Il   tempo   di   fare   una   piccola   ripresa   video   alla   partenza,   la   benedizione   del   Don,   a   salutarci   i   fumogeni   blu   hanno   colorato   ancor   di   più   il   cielo,   che nel fine settimana ci ha regalato giornate meravigliose. Pronti e via, il segno della croce quasi a cercare la forza che non trovavo più dentro di me. Partiti   dal   piccolo   paese   di   Pogno   che   ci   lasciamo   subito   alle   spalle,   per   immetterci   nel   bosco,   io   e   i   ragazzi   della   Marathon   siamo   nella   pancia   del gruppo:   mi   ritrovo   come   sempre   accanto   a   Gioacchino,   tra   di   noi   c'è   un   accordo   non   scritto   secondo   cui   si   fa   gara   assieme,   ma   quando   uno   dei   due sente di averne di più va, senza più preoccuparsi dell'altro… Cominciamo   ad   affrontare   le   prime   salite   e   discese,   il   "sentiero   degli   scalpellini"   in   un   castagneto   bellissimo   che   ci   porta   dopo   circa   5   km   al   primo ristoro:   qui,   la   prima   meraviglia   si   affaccia   ai   nostri   occhi,   dal   Santuario   Madonna   del   Sasso   si   può   ammirare   un   panorama   meraviglioso,   il   lago sotto di noi riflette i monti che lo sovrastano. Una   breve   corsa   su   un   prato   appena   tagliato   si   conclude   al   ristoro,   che   è   molto   veloce   e   via,   avevamo   deciso   di   partire   con   poca   acqua   perché   i primi ristori erano vicini. Avevamo cominciato a stabilirci su un bel passo, sono cominciati i primi sorpassi. Insomma,   si   comincia   a   fare   sul   serio,   si   continua   a   salire   per   scollinare   su   una   fila   di   versanti   bianchi   chiamati   Monti   della   Luna,   dove   si   stagliano cumuli di sabbione, ottenuto dall'attività dell'uomo nelle cave di pietra. Lo   spettacolo   vale   lo   sforzo   che   ti   porta   in   cima,   dove   c'è   Julia   pronta   con   la   macchina   fotografica   ad   immortalare   questo   momento,   la   gioia   più grande che in quel momento sono con Gioacchino, sorridiamo e non forzatamente agli scatti di Julia che, instancabile, ci ha seguiti per tutta la gara. Comincio   a   capire   che   le   mie   gambe   non   sono   per   niente   stanche,   ma   considero   che   siamo   ancora   ai   primi   km.   Prima   del   secondo   ristor, Gioacchino   si   stacca:   avevo   fatto   delle   foto   prima   di   separarci,   era   incredulo   a   vedermi   con   la   macchina   fotografica,   ma   valeva   la   pena   perdere qualche secondo per fotografare questi luoghi. La prima discesa mi porta a recuperare molta gente, non avevo idea in quale posizione potessi trovarmi. Un bambino mi tende il cinque e mi dice "Sei Fortunato". Non ho compreso bene perché m'avesse detto questo: Avrò tempo di capirlo, pensai. Giunto   al   secondo   ristoro   capii   il   primo   dei   tanti   motivi   per   cui   il   bambino   mi   aveva   detto   quella   frase,"Sei   fortunato".   C'erano   più   di   venti   atleti   fermi al   ristoro,   comodamente   seduti   a   degustare   quanto   di   buono   c'era   nei   tavoli,   polenta   formaggi   biscotti   frutta   miele   merendine,   e   tantissime   bevande di   ogni   genere   -   addirittura   la   birra   che   ho   subito   scartato   preferendo   acqua   e   banane   -;   era   ora   di   fare   scorta   d'acqua   e   affrettarsi   per   lasciarsi dietro i buongustai che erano partiti a razzo e ho capito per quale motivo. La salita non era dura: circa 5 km e poi giù sino al 23°km. Sento di andare bene in discesa: continuavo ad au mentare l'andatura e a recuperare persone. Al   23°   km   e,   quindi,   al   terzo   ristoro   ho   trovato   la   stessa   situazione   di   prima,   ancora   tanta   gente   ferma   comodamente   al   ristoro,   ancora   ogni   ben   di Dio,   tavoli   sempre   pieni   di   ogni   cosa,   ma   come   prima   rifornisco   le   mie   borracce,   un   po'   di   banana,   coca   cola   e   via.   Guardo   il   cronometro   2h48':   Ho fatto lucidamente dei calcoli, per comprendere che sto andando forte. Sicuramente c'è la base per una media che mi dovrebbe consentire di finire sotto le nove ore. Ma   ad   attenderci   c'era   la   salita   più   lunga   e   difficile   quella   che   da Arola   porta   a   Monte   Novesso   (1430   metri),   una   salita   di   8   km   circa   che   rasenta   il Monte   Piagera,   lunga   e   stancante:   preferisco   sostentare   ancora   il   mio   corpo   con   della   frutta   secca   che   mi   ero   portato   dietro   (uva   passa   e mandorle), con una busta di gel energetico e acqua. Lungo   la   salita   incontro   altri   atleti   e   con   loro   si   scambiano   quattro   chiacchiere,   la   meraviglia   nel   sentire   che   arrivavo   dalla   Provincia   di   Palermo, l'invidia   per   le   temperature   dei   nostri   luoghi,   chiedo   lumi   sulla   salita   qualche   consiglio   e   via,   passo   dopo   passo,   a   sentire   la   gamba   tirare   sino   in cima, una bella discesa prima del 4° ristoro posto all'Alpe Sacchi tempo impiegato nell'ultimo tratto 1h43'. Passaggio   al   32°   km   circa   in   4h   32   in   totale,   se   i   miei   calcoli   non   sono   sbagliati   il   doppio   sono   9   ore   e   più,   ma   la   parte   più   dura   è   alle   spalle,   la stanchezza   non   si   fa   ancora   sentire,   sono   fiducioso,   controllo   spesso   l'altimetria,   la   prima   d'una   serie   di   discese   quella   che   porta   a   Monte   della Piana   va   affrontata   a   tutta,   mi   costa   due   cadute   una   in   avanti   e   una   scivolata   in   dietro:   mi   rialzo   e,   per   fortuna,   niente   di   preoccupante   non   mi scoraggio;   segue   un   piccolo   strappo   che   porta   al   38°   km.   Quindi,   segue   una   breve   discesa   per   risalire   al   42°   km:   sapevo   che   sarebbe   stata   l'ultima seria asperità, ancora frutta secca e gel a rifornirmi di energie. Scenari   incantevoli:   un   alpeggio   prima   dell'Alpe   Berru   si   affaccia   a   noi   alla   fine   della   salita   una   distesa   di   verde   meravigliosa,   il   proprietario   che   ci invita   a   bere   alla   fontana   alla   nostra   destra.   C'è   tutta   l'incredulità   nel   vedere   tutto   cosi   bello   e   cosi   in   alto,   quasi   a   nascondere   dal   mondo   caotico, quest'isola   di   tranquillità   ti   fa   venire   la   voglia   di   sederti   a   godere   dello   spettacolo,   ma   ancora   c'è   da   salire   e   aspettavo   terrorizzato   il   tratto   breve   che Julia   e   Vincenzo   ci   avevano   descritto   la   sera   prima,   "...il   tratto   che   sarebbe   arrivato   dopo   il   42°,   talmente   ripido   che   scivoli   indietro   e   siamo   stati costretti   a   mettere   una   corda"   -   avevano   dettto.   Benchè   terrorizzato,   non   vedevo   l'ora   di   arrivarci:   e,   finalmente,   una   fune   rossa   si   é   intravista.   Dico al mio momentaneo compagno "Eccola là". Llui era all'oscuro di questa novità: Passo   avanti   io   tendo   la   corda   e   lui   dietro   di   me:   quasi   divertiti   arriviamo   in   cima   e   poi   giù   sino   al   48°   km   a   recuperare   secondi   dopo   secondi   6h42' mancano   15   km   che   non   sono   facilissimi,   ma   sto   ancora   bene.   Mi   fermo   al   ristoro   dei   giudici   che   mi   guardano   e   mi   dicono   "Misilmeri   dov'é?";   ed   io: In   Sicilia.   Mizzica   da   lontano   vieni   -   ribattano   -   sai   sei   44°.   Lo   stupore   è   tanto:   non   pensavo   di   essere   cosi   avanti,   ma   avevo   fatto   di   tutto   per   non essere   molto   indietro,   saluto   compiaciuto   i   giudici,   dopo   aver   mangiato   ancora   banane   e   bevuto   Coca   Cola   e   riparto.   Ci   sono   9   km   prima   di   arrivare a   Pella,   un   paesino   sul   lago   con   le   luci   accese   a   rendere   tutto   ancora   più   bello.   Avevamo   consumato   li   il   pranzo   di   Venerdì   e   la   felicità   è   tanta, quando   si   affacciano   le   prime   case   e   arriva   il   ristoro   posto   sul   lungo   lago.   Mauro   mi   guarda   stupito:   Stai   andando   bene,   mi   dice.   Ed   io   rispondo   E' fatta!; lui mi avverte: Attento! Mancano ancora 7 km e non sono facili facili. Non   riempo   piu   le   borracce:   non   serve   andare   pesante   e   via   sempre   con   passo   spedito   a   sentire   la   fatica,   mai   rilassato;   si   rientra   nel   bosco;   arriva un'altra telefonata ancora da mia moglie che, lungo la gara, mi aveva chiamato più volte, ripenso al bimbo dell'11° km. Eccolo   un   altro   motivo   del   "sei   fortunato":   la   sua   telefonata   mi   da   ancora   più   forza   un   saluto   veloce   ai   mie   figli   e   via   senza   distrazioni   devo   fare   di tutto   per   chiudere   sotto   le   nove   ore.   Quando   sono   vicino   al   60°   km,   c'è   l'ultimo   ristoro   e,   a   segnalarlo,   tante   fiaccole   accese   che   rendevano l'atmosfera   magica.   Mi   rifocillo   ancora   con   Coca   Cola   e   the   caldo.   La   ragazza   del   ristoro   mi   dice:   Via   mancano   3   km.   Segue   un   tratto   agevole   che affronto   correndo   con   più   grinta   di   prima.   Le   ultime   preghiere   alla   persona   a   cui   mi   rivolgo   nei   momenti   di   difficoltà   mio   Padre,   e   ripenso   al   bimbo   di prima   e   al   suo   "sei   Fortunato",   penso   alla   determinazione   che   mi   ha   trasmesso   nell'affrontare   i   momenti   più   difficili,   penso   alla   fortuna   che   ho   avuto di   essere   figlio   di   mio   padre   e   agli   insegnamenti   che   mi   ha   trasmesso.   Dubbi   all'ultimo   bivio:   mi   fermo   non   so   dove   andare,   guardo   bene,   giù   in basso   c'è   Pogno   che   mi   aspetta,   vedo   le   prime   case,   le   luci   che   cominciano   ad   illuminare   le   strade,   mentre   la   penombra   comincia   ad   avvolgere   il paese: Riaccendo   la   telecamera   che   avevo   usato   per   le   foto   ma   anche   per   delle   brevi   riprese   alla   partenza,   al   23°   ed   al   50°   km,   non   potevo   non   farlo all'arrivo.   Poco   prima   di   entrare   nel   Pala   Wojtyla   dove   è   allestito   l'area   arrivi   mi   riprendo:   sono   emozionato,   sono   felice   ma   sono   anche   sicuro   di essere arrivato prima delle nove ore.  Entro nel Pala Wojtyla e stacco il cronometro. C'è   sempre   Julia   pronta   con   la   sua   macchina   fotografica   per   un'ulteriore   scatto,   stacco   il   cronometro,   mi   squilla   il   telefono   non   so   se   guardare   il cronometro   o   rispondere,   é   mia   moglie   che   mi   chiama.   Il   mio   pensiero   ha   sorvolato   l'Italia,   sei   fantastico   grazie,   ti   richiamo   fammi   prendere   fiato,   Ti amo. Il giudice mi chiama: Scusa, ci tieni a sapere il piazzamento rispondo si certo, sei 36° in 8h 44'48". La   felicità   sovrasta   tutto,   soprattutto   la   fatica,   un   foto   postata   su   facebook,   un   bel   bicchiere   di   birra   e   subito   a   fare   la   doccia   fredda,   per   l'occasione scaccia-fatica, mi rivesto e scendo nuovamente al Pala, mi aspettano un piatto di minestrone caldo, wurstel, crostata e tanta birra. Uno   dopo   l'altro   arrivano   i   ragazzi   della   Marathon,   c'è   la   gioia   condivisa,   gli   abbracci,   la   felicità   di   avercela   fatta,   manca   ancora   Gioacchino,   una telefonata   ma   nessuna   risposta,   la   preoccupazione   aumenta,   mi   affaccio   fuori,   dopo   un   po'   scorgo   una   sagoma   dalle   somiglianze   del   Giocchino   che si   avvicina.E'   lui,   eccolo,   finalmente!   L'emozione   mia,   ma   soprattutto   quella   di   Giovanni   D'Ippolito,   gli   occhi   lucidi   le   braccia   aperte   aspettano   di stringerlo, sai dice Giovanni ero sicuro che non ti ritiravi, sospirone, e di nuovo il pensiero va al bambino e al suo "Sei fortunato". Sono davvero fortunato essere a capo di una squadra come la Marathon Misilmeri, un gruppo di ragazzi meravigliosi, coinvolgenti e fantastici. Fantastici   sono   anche   Mauro,   Julia,   Moreno,   Patrizio,   Roberta,   il   Don   e   tutti,   sì   proprio   tutti   quanti   gli   organizzatori   che,   coadiuvati   con   entusiasmo da   tantissima   gente   del   luogo,   sono   stati   capaci   di   organizzare   una   gara   fantastica   sotto   tutti   i   punti   di   vista,   una   gara   che   porteremo   sempre   nei nostri cuori con tutti i ricordi di questa meravigliosa esperienza. Grazie a tutti. Sono fortunato.
Ultra Trail Lago d'Orta 2012 Sono Fortunato Da    cosa    nasce    l'idea    di    partecipare    ad    un    TRAIL    o addirittura   ad   un   Ultratrail?   Sicuramente,   dai   racconti   di qualcuno   che   ha   avuto   esperienze   di   questo   tipo,   ed   io, per   fortuna,   ho   come   compagno   d'allenamento   Gioacchino Maniscalco,   il   quale   ha   cominciato   a   frequentare   questo ambiente molto tempo prima di me.
Caption text, image 1