Mi   trovo   sulla   linea   di   partenza   ,   il   sole   splende   ,   il   cielo   è   sereno   ma   l'aria   frizzante   ci   ricorda   che   siamo   lontani   dalla   nostra Sicilia   ;   intorno   a   me   una   moltitudine   di   trail-runners   colorati   ed   allegri   ,   di   fianco   gli   amici   di   sempre   ,   compagni   di   tante   avventure e tanto sudore . I pensieri sono tanti ma l'eccitazione cresce ok ci siamo Si Parte … Siamo   veramente   tanti   per   un   Ultra   Trail   di   63   Km   e   3.600   di   dislivello   positivo   ,   quasi   subito   usciamo   dal   centro   abitato   ed   il lungo   serpentone   comincia   a   salire   per   un   sentiero   piuttosto   agevole   ma   affollato   ,mi   impongo   di   andare   piano   ma   i   primi   km scorrono   via   veloci   tra   un   sorpasso   ed   un   altro   sono   già   al   Santuario   ,   accanto   a   me   c'è   Enzo   ed   insieme   passiamo   i   Monti   della Luna   dove   ad   attenderci   c'è   un   panorama   mozzafiato   sul   Lago   d'Orta   e   la   simpaticissima   Julia   che   dopo   aver   lavorato   come   una matta   sul   percorso   percorrendolo   chissà   quante   volte   è   lì   con   la   sua   macchina   fotografica   ad   immortalare   tutti. Adesso   siamo   nel bosco   ,   Enzo   ed   io   abbiamo   preso   un   bel   ritmo   il   percorso   è   invitante   con   saliscendi   continui   su   un   letto   di   foglie   ,   ecco   ci   siamo   è arrivato   il   momento   in   cui   corri   e   basta   ,   i   pensieri   si   annullano   tutto   il   resto   del   mondo   si   allontana   e   ritorni   bambino   ,   pensi   solo   a giocare e vuoi che non finisca mai. I   km   scorrono,   il   bosco   è   sempre   più   fitto   e   la   magia   cresce   ,   ora   siamo   in   6   abbiamo   beccato   un   gruppetto   che   ha   il   nostro   passo e   siamo   in   fila   indiana   ,   però   Enzo   tira   ,   un   po'   troppo   direi   ,   io   decido   di   stare   in   coda   ,   i   km   sono   tanti   e   non   voglio   strafare      ,   so che non posso competere con un grande maratoneta come lui su un percorso del genere devo stare calmo . Sono   passate   circa   2   ore   dalla   partenza   e   comincio   ad   avvertire   stanchezza   ,   brutto   segno   è   troppo   presto   ,   questa   non   me l'aspettavo   ,   ma   come   ho   faticato   tanto   per   prepararla   ,   ci   tenevo   tanto   non   è   possibile   ,   cosa   fare   ?   I   pensieri   sono   tanti   ,   li   ho portati   io   qua   non   posso   mollare   ,   chissà   come   stanno   gli   altri   ,   eppure   abbiamo   fatto   tutto   per   bene   ,   perché   questa   stanchezza   ? Devo   resettare   ,   io   devo   arrivare   al   traguardo   e   basta   ,   nient'altro   conta   né   l'orario   né   la   classifica   né   i   piedi   doloranti   ,   devo essere   Finisher   e   basta   .   Questa   convinzione   mi   fa   cambiare   tattica   ,   abbasso   i   ritmi   e   mi   estraneo   ,   vado   avanti   e   basta   un passo dopo l'altro dai Gioacchino dai lo hai fatto tante volte forza ! E'   difficile   spiegare   cosa   accade   nella   mente   in   situazioni   del   genere   ,   quando   sai   che   non   è   giornata   ,   che   fisicamente   non   stai bene   però   decidi   che   la   testa   è   più   forte   ,   che   la   sfida   è   qui   e   adesso   non   c'è   appello   ,   devi   andare   oltre   i   limiti   ancora   una   volta   , e allora ti vengono in soccorso i pensieri positivi , le motivazioni lo sguardo dei tuoi cari , e vai vai e basta. La   gara   è   infinita   ,   mi   ha   superato   Giovanni   ,   è   un   grande…   57   anni   ma   sembra   un   ventenne   ,   non   importa   certo   mi   sarebbe piaciuto agganciarmi a lui , ma oggi la mia gara è un'altra , ci siamo solo io e la montagna ed io devo arrivare al traguardo !!! Monte   Novesso   mi   ridà   energia   ,   mi   piacciono   le   lunghe   salite   ,   sono   i   saliscendi   continui   che   oggi   mi   sfiancano   ,   in   cima   poi   il panorama   è   mozzafiato   ,   il   Monte   Rosa   domina   bianco   ed   imponente   sulla   sinistra   ,   mentre   sulla   destra   il   Lago   Maggiore   pare separato solo da una minuscola striscia di terra dall'Orta , che spettacolo !!!! Julia   instancabile   ci   fotografa   anche   qui   e   con   un   meraviglioso   sorriso   ci   annuncia   il   prossimo   ristoro   ,   mentre   bevo   arriva Christian   felice   e   contento   come   una   pasqua   ,   menomale   mi   rincuora   che   i   miei   amici   non   stiano   soffrendo   come   me   ,   mi   sento un   po'   responsabile   per   averli   coinvolti   ,   chissà Angelita   come   stà   ,   ma   lei   è   forte   sicuramente   la   finisce   ,   quello   che   mi   preoccupa di   più   è Antonio   ,lui   al   massimo   ha   fatto   l'Etna   ,   speriamo   bene   ,   saluto   Christian   e   lo   incito   ad   andare   ,   io   riprendo   in   discesa   ma il passo non è quello solito purtroppo. I   compagni   di   avventura   si   susseguono   ,   le   ore   passano   ,   le   gambe   sono   sempre   più   pesanti   ,   chissà   a   che   ora   arriverò   ,   forse   ho ancora   un   paio   d'ore   di   luce   ,   dai   andiamo   spingi   spingi   ,   la   testa   c'è   ma   il   resto   oggi   no.   Pensieri   positivi   ,   pensieri   positivi   solo questo   ,   penso   ai   tanti   momenti   di   difficoltà   passati   ,   a   tutte   le   volte   che   credevo   di   non   farcela   ed   invece   sono   riuscito   a   tagliare   il traguardo , e comincio ad immaginarlo , penso alla festa , presto sarà solo festa dai un passo dopo l'altro. Angelita   mi   ha   superato   per   fortuna   anche   lei   stà   alla   grande   ,   mi   sento   felice   per   loro   ,   finalmente      ho   fatto   conoscere   ai   miei compagni   un   mondo   nuovo   e   meraviglioso   che   avevano   vissuto   dai   racconti   miei   e   di   Giovanni   ,   le   nostre   mitiche   imprese   sul Cervino e alla Valdigne. Adesso   però   devo   farcela   anch'io   ,   sono   arrivato   al   48°   c'è   il   ristoro   ,   bevo   un   po'   di   the   caldo   ,   ne   approfitto   per   cambiare   la maglia e preparare la lampada , la sera incombe e ancora è lunga . Quante   fatiche   mi   tornano   alla   mente   ,   i   ricordi   adesso   sono   i   miei   migliori   compagni   di   viaggio   ,   l'Oriondè   avvolto   dalla   nebbia   ,   il Col   de   Licony   ,   Planaval   e   la   Punta   Fetita   con   quel   vento   micidiale   ,   il   traguardo   di   Pantelleria   con   l'unghio   rotto   e   la   pioggia   ,   il calore del traguardo di Morgex , l'arrivo del Cervino che non arrivava mai , mio figlio che corre assieme a me verso il traguardo . Sono   nel   buio   adesso   ,   il   bosco   di   notte   è   un   esperienza   nuova   ed   affascinante      ,   è   come   se   tutte   queste   ore   non   fossero   passate ,   mammamia   è   una   giornata   intera   che   sono   in   gara   eppure   adesso   mi   sento   bene   ,   riesco   a   godere   del   piacere   della   scoperta   ,   il percorso è segnato benissimo e vado via dritto , manca poco ormai . All'ultimo   ristoro   siamo   al   60°,   prendo   un   po'   di   thè      e   la   signora   anziana   che   me   lo   serve   si   scusa   perché   non   è   molto   caldo   ,   che gente meravigliosa che abbiamo incontrato….tutti gentili , disponibili e felici di dare una mano . Ci   siamo   vedo   le   luci   del   paese   ,   esco   dal   bosco   e   comincio   a   correre   in   direzione   del   campanile   ,   è   fatta   ,   l'arrivo   è   dentro   il Palawojtila   dove   tutti   mangiano   e   festeggiano   così   che   anch'io   dopo   11h   30m   ricevo   applausi   e   festeggiamenti   ,   Enzo   è   subito   lì   a darmi   il   cinque   ,   Julia   mi   abbraccia   e   Giovanni   mi   stringe   commosso   ,   mi   dicono   che Antonio   è   arrivato   poco   prima   ….Che   bello Tutti   al   traguardo   tutti   felici   e   grati   agli   organizzatori   ed   alla   gente   del   Lago   d'Orta   per   averci   regalato   una   giornata   indimenticabile !!!
Ultra Trail Lago d'Orta 2012 Grande successo per la 3a edizione della gara: circa 700 iscritti, tra cui tanti campioni. Un trail con due percorsi (63 e 22 km) affacciati su panorami stupendi. di Gioacchino Maniscalco